• Twitter
  • Facebook
  • Google+
  • RSS Feed

mercoledì 17 ottobre 2012

Pensavo fosse infiammazione...invece era un calesse!

27 commenti:
 
Forse un calesse non è ma è comunque probabile sia qualcosa di poco previsto. Mi riferisco al malanno al piede che mi ha costretto a ritirarmi al recente Morenic Trail e che, ad oggi, ancora non si è risolto.
Sono trascorsi 10 giorni dalla gara di Ivrea, da quel giorno ho solo riposato per riprendermi dal dolore al piede sinistro. Il riposo mi ha fatto bene, il malanno s'è ridimensionato ma non è ancora sparito. La seduta dal fisioterapista non ha sortito gli esiti sperati e un consulto con un amico radiologo prima e col medico poi mi ha portato sulla strada di una risonanza magnetica.
Le possibilità sono sostanzialmente tre.
La prima, non è niente di che, un'infiammazione bastarda che sta impiegando più tempo del previsto a riassorbirsi ma che passerà.
La seconda, fascite plantare. La risonanza magnetica darà qualche risposta in più, fosse così i tempi di recupero si allungherebbero di un po'.
La terza, frattura da stress. Anche in questo caso sarà compito della risonanza magnetica dare il responso con tempi di recupero che si dilateebbero ancora di più.
Venerdi farò l'esame e settimana prossima capirò di che cosa si tratta. Fino ad allora, salvo sparizione dei sintomi, osserverò il riposo.
Nessuna tragedia, per carità, un infortunio dopo tutto quello che ho corso quest'anno ci può stare.
A questo punto rimane però da decidere cosa fare del pettorale per Venezia. Nei meandri del mio cervello covo ancora qualche speranza di riuscire a correrla, si sa, la speranza è l'ultima a morire. Devo riuscire a dissipare i dubbi il prima possibile in modo da avere la possibilità di cedere il pettorale nel caso in cui non riesca proprio ad essere a Villa Pisani la mattina di Domenica 28 Ottobre.

27 commenti:

  1. Piu' che i dubbi, fai dissipare il dolore il prima possibile. Le infiammazioni ai tendine sono delle belle bastarde... iin bocca al luppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi il luppo! Non so cosa pensare, oggi pare quasi solo un fastidio sordo e lontano. Speriamo sia sulla via della risoluzione.

      Elimina
  2. Sono fermo dal settembre 2011,ultima gara la 21 sul graticolato.Da tempo trascuravo un doloretto al ginocchio e puff......sono passati 12 mesi!!!!
    Non trascurare l'infortunio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del consiglio. E' proprio quello che sto cercando di fare, stare attento, meglio fermarsi 15 giorni oggi che due mesi più avanti.

      Elimina
  3. Indipendentemente dal problema 1,2 o 3 credo che non sarebbe una buona idea correrci sopra 42 km tra 10gg...nel caso potrei candidarmi per avere il tuo pettorale(sono stato abbastanza di parte?
    Ci scherzo ma credo veramente che dovresti fermarti per un po...
    Ciao caro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tendo a pensare che il problema sia legato alla distanza del Morenic Trail, allo zaino sulle spalle, al tipo di fondo e di scarpe utilizzate. In quest'ottica la maratona sarebbe anche fattibile. Prima però devo fare delle prove ovviamente.
      Comunque ti mando una mail Kikko :)

      Elimina
  4. risposa, a Venezia m'impegnerò di andare regolare sul 4'28"/4'30" attaccandomi ai pacers con i palloncini. Pensa che sono andato da Claudio per sistemare una periostite residuo della tendinite tibiale post venezia 2011, forse non l'ho curata benissimo a suo tempo ed oggi ritorna qualche avvertimento. riposa e cura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, prendo nota Peo. Venezia si sta allontanando.

      Elimina
  5. il 28 ottobre è dietro l'angolo...tira il fiato, riposati, vai in piscina se puoi....tutto passa.
    in bocca al lupo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi il Lupo Mauro. E' vero, venezia è proprio dietro l'angolo. Troppo vicina, mannaggia.

      Elimina
  6. Devi veder tu. Ma attento a prender decisioni avventate.
    Io passerei.
    Tanto di belle soddisfazioni te ne sei tolte quest'anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, motivo in più per non buttare tutto nel secchio per una scelta azzardata.

      Elimina
  7. Ciao Drugo sono in ritardo a leggere i tuoi report sulla Morenic, dove hai male? Ti auguro un veloce e completo recupero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il dolore è localizzato principalmente nel lato esterno della pianta del piede sinistro. Indicativamente in corrispondenza della Tuberosità del 5° osso metatarsale (se cerchi su google immagini ti esce subito). Ecco, fa male li. Però a volte si sposta anche sulla pianta, verso il tallone.

      Elimina
    2. Se si sposta non dovrebbe essere microfrattura ma infiammazione. La microfrattura di solito è ben localizzata e presenta un dolore intenso. Potresti fare esercizi per la pianta ma fino ad una risposta certa diagnostica forse la miglior cosa è il riposo e il solito ghiaccio (in fase acuta, a seguire poi io controccorrente tendo sempre a mettere il caldo per aumentare l'afflusso in zone poco vascolarizzate quali i tendini).

      Elimina
  8. Anch'io passerei.. La stagione è lunga e non so quanto valga la pena rischiare problemi più gravi correndo i 42km di Venezia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A sto punto sarei uno scemo a non ascoltare tutti i vostri consigli.
      Mi sa che apro un post apposito.

      Elimina
  9. la maratona e' lunga , qualsiasi sia il problema ........NON CORRERLA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un buon consiglio Lello, tra ieri ed oggi ho avuto qualche dubbio ma mi sa che è meglio se lo accetto.

      Elimina
  10. Il mio è l'ultimo dei pareri, ma posso dirti che dopo l'allenamento di 35 km di domenica scorsa mi è tornato un fastidiosissimo dolore intorno al ginocchio, dimenticato da tempo immemore. Le lunghe distanze, credo, scavano nel passato dei tessuti e riesumano antichi traumi dimenticati.
    Se non avrai più male, puoi correre altri 42 km, ma poi la memoria del tuo piede potrebbe migliorare e non farti più dimenticare per un bel i dolori...

    Il rischio, comunque, a volte si dovrebbe correre per ricordarci che la vita va sempre quotidianamente vissuta, come dice Orazio, nei Carmina III. Ti risparmio il latino :-)

    Ciao!






    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per avermi risparmiato il latino anche perchè sarebbe stata fatica sprecata.
      Meglio non svegliare il can che dorme, mi sa che non hai torto in questo.

      Elimina
  11. lo so che è brutto dover rinunciare ad un obiettivo dopo tutta una preparazione. ma visto che comunque fra 5 mesi hai un appuntamento con boston, forse è meglio pensarci bene se presentarsi a stra domenica prox.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna non era l'appuntamento clou della stagione. Ho tempo per rifarmi, spero.

      Elimina
  12. ma tu dimmi .. .se io devo realizzare che sei tu, solo ieri sera dopo che ti ho salutato! Ma io ti leggo da un bel po'!!!!! E' che ieri non avevo collegato che eri tu dentro il cartone del gravatar :)
    O caro mio, mi raccomando ... recuperiamolo quel piede, che io la vorrei fare una garetta con te (non di trail, eh?) E usa twitter! ;) smack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto com'è piccolo il mondo ?
      Prima o poi (speriamo prima che poi) la garetta assieme la si fa, credo anche più d'una non temere. Prima seguo i tuoi consigli però, metto a posto il piede e comincio a sfruttare Twitter :)

      Elimina
  13. Consigli ne hai avuti tanti, e praticamente tutti nella stessa direzione... ti secca se mi accodo?

    RispondiElimina
  14. Ma bravo te! Stammi sul pezzo, aggiusta il piede e ... keep me posted. Ti aspetto :)

    PS: la prox volta ti dirò la mia metafora preferita per dire che il mondo è piccolo ... qui non se puede ;)

    RispondiElimina

Scrivete un po' quel che vi pare, per il momento non modero perchè non c'ho voglia.
Solo una cosa, una firma è sempre gradita.

 
© 2012. Design by Main-Blogger - Blogger Template and Blogging Stuff