• Twitter
  • Facebook
  • Google+
  • RSS Feed

martedì 9 ottobre 2012

Morenic Trail: di quel che è stato e di quel che poteva essere (2a parte)

31 commenti:
 
(segue...)

Ai ristori la gente mi dice "hey, sei terzo, dai che vai forte". Sorrido e mi abbuffo, la strada è ancora lunga. "Cavolo, sono terzo!" Mi ritrovo a pensare come sarebbe bello fare un risultato del genere in una gara così lunga e così importante. Meglio non pensarci. Eppure il pensiero inevitabilmente finisce li.
Mi informo con gli staffettisti che mi superano quanto lunga sarà la loro tappa, in modo da sapere tra quanto ci sarà il prossimo cambio, mi rispondono che da li a Ponte dei Preti sono 35 km. Ecco, mi dico, altri 35 km poi è praticamente fatta.
Sono affaticato ma ho ancora energie e voglia. La strada adesso è prevalentemente in salita. Leggera, niente di insormontabile, ma si sale con costanza. I tratti al passo ora si alternano a quelli corsi con maggiore costanza. Essere sul podio è una situazione per me completamente nuova. E' elettrizzante ma anche enormemente faticoso. Mi ritrovo a riflettere sul fatto che da dietro mi potranno riprendere in qualsiasi momento facendo così sfumare il sogno. Cerco di non pensarci ma è davvero difficile. In salita cammino per risparmiarmi ma nei tratti pianeggianti e di discesa corro sperando di guadagnare su chi mi insegue.
Ad un tratto scorgo una figura davanti a me. Da come avanza capisco subito che non può essere uno staffettista. Ha un'andatura troppo affaticata. E' il secondo in classifica. Lo affianco e lo supero subito. Lo vedo davvero in difficoltà. Io invece sto ancora bene e adesso mi ritrovo secondo. Che storie! Peccato ci siano ancora 50 km da li all'arrivo.
Poco dopo si comincia a salire lungo un tratto asfaltato con dei tornanti. Mi metto al passo e ne sono lieto. Ho così modo di riposare un po' e di evitare di impormi una corsa a tutti i costi. In cima alla salita trovo un ristoro. Ancora complimenti, ancora commenti sul fatto che sono secondo e che il primo non è poi così distante (in realtà era anni luce più avanti). Una volontaria mi chiede di dove sono e alla mia risposta esclama:
- "eh, voi veneti avete una marcia in più!"
- "si signora, noi abbiamo le 'ombre' di vino dalla nostra!"
Riparto tra i sorrisi mentre anche il km 70 è ormai alle spalle. Continuo a cercare di concentrarmi sulla strada, sullo sforzo e sulle gambe che, in alcuni tratti cominciano a farmi degli scherzi. Ho un leggero crampo al quadricipite sinistro. Lo allungo appena e sento subito sollievo. Proseguo.
Dal piede sinistro cominciano ad arrivare dei segnali di dolore. Niente di che ma appoggiando il piede mi fa male. Il dolore è localizzato sulla, lato esterno, giusto sotto alla caviglia. Non sembra niente di che.
Ne avrei di cose su cui concentrarmi eppure finisco sempre a ragionare sul podio finale. E' faticoso, incredibilmente faticoso perchè, per la prima volta, avverto una sorta di pressione. Al km 77 giunge un altro ristoro. Mi confermano il secondo posto e mi inondano di complimenti. Mi fermo per qualche minuto e mangio a volontà quindi, con la pancia piena, riparto al passo.
Qui mi rendo conto che il dolore al piede sta crescendo esponenzialmente. Provo ad appoggiarlo in modo diverso ma non cambia niente. Apro i lacci della scarpa e provo a muovere il piede, magari basta sistemarlo e passa tutto. Riallaccio e continuo ma il dolore è sempre li. Vabbeh, andiamo avanti, magari rimane così o addirittura passa.
Ma non passa.
Nei 3 km successivi la situazione peggiora. Il dolore comincia ad espandersi giungendo fino alla caviglia. Desisto dal correre, mi fermo un attimo e poi proseguo camminando. Guardo il Garmin, sono al km 80, mancano ancora poco meno di 30 km. Ogni appoggio significa dolore. Ad ogni passo, quando tocca al piede sinistro, stringo i denti sopportando. Bastano pochi passi ancora e mi rendo conto che non posso proseguire.
Non c'è una ragione sensata per evitare il ritiro. Non sono in guerra e neppure si tratta di una questione di vita o di morte. Sono ad una corsa, una manifestazione che dovrebbe significare divertimento. Rode tantissimo ma prevale la ragione.
Mi ritiro.
Una volta deciso procedo con calma cercando di arrivare il prima possibile al prossimo ristoro. Qualche minuto dopo vengo raggiunto dal terzo. E' lo svizzero del B&B, scambio due parole con lui, si dispiace per la mia situazione, io lo incito augurandogli di terminare al secondo posto. Così sarà, anche per lui un risultato inaspettato.
Un po' di tempo dopo mi superano anche il terzo e quindi il quarto e il quinto. Tutti hanno parole di conforto per me. Io non posso far altro che augurare loro buon proseguimento. Finalmente giungo al punto di ristoro dove il mio ritiro diviene ufficiale. Un membro dell'organizzazione, gentilissimo, mi porta a Ponte dei Preti e da qui ottengo un nuovo passaggio fino all'arrivo.
Scendo dall'auto e brividi di freddo mi scuotono. Probabilmente ho un po' di febbre dovuta allo sforzo non indifferente e alla tensione scesa una volta ritiratomi. Raggiungo il deposito borse zoppicando, ritrovo Nicolò, il cuoco di Parma, anche lui si è ritirato, intorno al 50° km.
Dopo la doccia va un po' meglio. Mangio e recupero le forze ma realizzo che il dispendio energetico è stato notevole.
Oltre al piede anche le ginocchia mi fanno male, le sento gonfie e ovviamente mi dolgono anche i muscoli. Grazie ad un passaggio di fortuna rientro al B&B, mi caccio sotto le coperte scosso ancora da brividi di freddo.
Dopo una bella dormita mi risveglio sorprendentemente riposato. Il piede fa ancora male, peggio del giorno prima, ma per il resto le gambe cominciano a riprendersi.
Impacchetto la mia roba, altra ottima colazione quindi saluto la titolare del B&B e riparto verso Brosso, il luogo di arrivo del Trail, per assistere alla premiazione.
Una volta chiusa la manifestazione è tempo di rientrare. Saluto con uno sguardo l'anfiteatro morenico che mi ha ospitato in questo week end e penso che comunque la si guardi è stata una grande esperienza.
Magari il prossimo anno ci ritorno, magari no, si vedrà. Ora il pensiero va a questo piede dolorante che mi costringe zoppo. Mannaggia a lui, mi vien da dire, ma c'è da considerare che mi ha portato per 85 km, in fondo ha le sue buone scusanti.



31 commenti:

  1. Ho letto con piacere il tuo post.Una avventura nel bene nel male insegna sempre.
    Da apprezzare il tuo coraggio,sebbene dovuto ad infortunio,di abbandonare.Non è da tutti!
    Ciao e complimenti ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Emiliano. Il bello delle avventure è proprio quello, si torna sempre a casa con qualcosa in più.

      Elimina
  2. Grandissimi Drugo!! Il tuo racconto è favoloso come la tua prestazione e la saggia decisione di fermarti. Vedrai che il 2012 non ha ancora smesso di sorriderti! Ciao Walter

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Walter, il 2012 è stato un anno fantastico podisticamente anche se mi fermassi qui sarebbe il mio migliore anno in assoluto.

      Elimina
  3. In qualche tratto del tuo racconto, con le dovute proporzioni, mi sono rivisto nelle mie lotte psicologiche quando affronto una gara più lunga del solito (vado bene ma son sicuro che sopraggiungerà un problema da un momento all'altro... e poi immancabilmente è così).. Non che la mente possa far venire un dolore del genere al piede, ma credimi che può farlo percepire in maniera maggiore di quanto realmente lo sia. Comunque sei stato grande Giacomo. Prestazione superba! Avrai sicuramente occasione per rifarti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mente in effetti ha un potere forte. Sono convinto che tu abbia ragione, se si comincia ad essere negativi le difficoltà diventano più grandi. E' un aspetto sul quale si può lavorare e correre distanze così lunghe aiuta di sicuro in questo.

      Elimina
  4. onore a te.....
    grande prova e saggia decisione...avanti ci sono tante altre gare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Kaiale. Per quest'anno basta coi trail, ora si torna a distanze più umane.

      Elimina
  5. Adesso pensa solo a recuperare quest'anno nei hai combinate tante :) eh he he

    RispondiElimina
  6. coraggiosissimo drugo! un vero peccato, ma finire strisciando per fermarsi dei mesi non avrebbe senso — beato chi lo capisce in tempo......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe stato proprio così. Un tentativo di arrivare al traguardo strisciando rischiando di non arrivarci nemmeno.
      Non ho dubbi che sia stata la decisione giusta.

      Elimina
  7. esponenzialmente???? ho il sangue agli occhi,forse in maniera esponenziale... pazienza per il ritiro ma comunque bravissimo lo stesso azzo,veramente sei stato un guerriero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esponenzialmente significa per l'appunto con andamento esponenziale.
      Asciugati il sangue e riprova :P

      Elimina
  8. bellissimo il racconto ma
    finchè continui a divertiti correndo queste lunghezze estreme, ben venga, ma se realizzi che il tuo fisico patisce troppo e può consumarsi troppo, fai un passo indietro e fai distanze più umane
    naturalmente parlo da 44enne, dunque segui il tuo istinto, le decisioni e le strade giuste le prenderai da sole, senza arrivare a danneggiarti troppo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo consiglio ci sta tutto Andrea. Considera però che correre i trail è generalmente meno traumatico che correre una maratona tutta su asfalto. Il fondo è diverso così come gli appoggi.
      Paradossalmente ho avuto meno infortuni in questa stagione con tutti i km corsi che nelle precedenti dove correvo meno della metà ma solo su asfalto.
      Poi è chiaro che questo rimane un passatempo, una cosa che deve divertire. Così è e così deve rimanere.

      Elimina
  9. Che la decisione sia saggia è certo. Che il piede vada curato al meglio è fondamentale. Che queste siano avvisaglie del nascere di un fortissimo ultratrailer è una previsione che i bookmaker nemmeno quotano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha Caio. Troppo buono.
      Sappi che il Morenic trail si può fare anche a staffetta, in 4 oppure in 2. Se trovi un compagno di squadra per il prossimo anno magari te la corri. E' un percorso ondulato come quelli che piacciono a te.

      Elimina
  10. ...che dire, mi dispiace da morire anche se sto di fatto solo leggendo comodamente seduto, mentre tu eri là...!!!...forse era un sassolino che ti ha ammaccato il piede...ecco dovrai tornare per "toglierti il sassolino dalla scarpa!!!!"
    Grande e complimenti ancora!!! Ora cerca di gurarire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella idea quella di tornare per togliermi il sassolino. Chissà che qualcuno mi accompagni anche...

      Elimina
  11. Scelta durissima ma estremamente saggia!
    Servirà tutto per la prossima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, in fondo questo è il mio primo anno di trail e di distanze superiori alla maratona. Dura ottenere tutto e subito.

      Elimina
  12. Un gran peccato però. Ma sul serio.
    Accidenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hal, è stata davvero una bella botta, una gran delusione ma di motivi per sorridere comunque ce n'è un bel po'.

      Elimina
    2. Hai voglia!!!
      Dicevo solo che è stato un gran peccato. Il che non leva nulla a quanto di bello successo in sta gara.
      Bravo.

      Elimina
  13. Cavoli ragazzo che esperienza che ti sei fatto!! Secondo me l'occasione prima o dopo ricapita!

    Complimenti!!!!!!!!

    Albertozan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo Alberto. Concordo sull'esperienza fatta, davvero un bel po'. E grazie per i complimenti.

      Elimina
  14. Bravo, hai combattuto bene e sei sopravvissuto con onore. In guerra è più facile farsi ammazzare che combattere con buon senso, coraggio e lucida determinazione. In una gara così intensa è più facile farsi male che fare pace con i propri limiti fisici o psicologici.
    Io credo di non esserne capace, e quindi, dopo averti letto, rinuncio all'idea di provarci.

    In bocca al lupo! Ciao, Mariano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe, non so se approvare la tua scelta perchè saggia o dispiacermi perchè comunque ti perdi delle gran belle esperienze.

      Elimina
  15. Bene, oggi 9/06/2013... ripartendo da quel ponte sulla dora baltea, ho finito di leggere questo post.... mannaggia... ciao vecio, vedi almeno di arrivare secondo alla LUT adesso ;)

    RispondiElimina

Scrivete un po' quel che vi pare, per il momento non modero perchè non c'ho voglia.
Solo una cosa, una firma è sempre gradita.

 
© 2012. Design by Main-Blogger - Blogger Template and Blogging Stuff