• Twitter
  • Facebook
  • Google+
  • RSS Feed

lunedì 10 dicembre 2012

Il muro cade

28 commenti:
 
2 ore 59 minuti e 2 secondi. Garmin alla mano, questo è il responso che il crono mi restituisce dopo 42 km e 195 metri di fatica. È stata dura, più del previsto.
Il percorso della maratona di Lisbona è tra i meno piatti che io ricordi. Si parte in salita, quindi si scende e poi si risale di nuovo. Un'alternanza di saliscendi che va avanti fino al km 18 circa. Qui si scende con decisione per un paio di km buoni fino a raggiungere il livello del mare. 8 km per la prima volta piatti e rettilinei. Giro di boa e si ritorna sui propri passi ripercorrendo la strada dell'andata e beccandosi un bel po' di vento in faccia. Terminati gli 8 km di ritorno, km 36 della maratona, si ricomincia a salire, prima in maniera dolce, poi sempre più decisi.
Al km 38 un rettilineo in salita ci si presenta avanti. Le gambe sono legnose e pare di non riuscire a fare strada. Gli ultimi km sono una lenta agonia. Mi ritrovo a fare conti per capire se, anche con un crollo finale, riuscirò a raggiungere l'obiettivo, pare di si, ma è meglio non rischiare. Le energie però sono quasi svanite.
Calo la testa e abbasso lo sguardo mentre percorrono l'ennesimo tratto in salita e poi, finalmente, bello e dolcissimo si presenta la sagoma dello stadio Primerio de Mayo.
Controllo il Garmin e pare proprio sia fatta. Ancora mezzo giro di pista ed ecco il traguardo. Il crono ha appena superato i 59 minuti dopo le due ore. È fatta! Il muro è caduto, terminino una maratona facendo segnare un tempo la cui prima cifra inizia con 2. Che soddisfazione.
Ora festeggio e mi godo la città, prossimamente darò maggiori dettagli sull'andamento della corsa. Ora mi resta il ricordo di una gara veramente durissima e di un risultato che mi riempie di soddisfazione. Così come soddisfazione mi da l'idea che un muro è caduto.

28 commenti:

  1. Complimenti, mi è giunta ieri questa notizia.
    grandissimo!

    RispondiElimina
  2. Che dire ?
    Bravissimo....e complimenti !!!

    RispondiElimina
  3. felicitazioni e congratulazione per la lieta notizia!
    eh così ti sei anche guadagnato una birra!
    dario

    RispondiElimina
  4. Azz... obiettivo raggiunto in pieno, ammiro la tua tenacia e la tua costanza! Berro' un white russian alla tua salute!

    RispondiElimina
  5. Si stappa! complimenti .. del resto era solo una questione di quando sarebbe accaduto :)

    RispondiElimina
  6. Il tuo andare a zonzo tra asfalto e sentieri mi sta ispirando! Scoprire il tuo blog mi è servito a correre meglio. Bravo Drugo, e spero che il nostro tifo abbia contribuito ad abbattere qualche secondo :-)

    RispondiElimina
  7. christian ha detto:" cazzo bravo. . . .e pensa che quella volta alla 10 miglia del montello gli siamo arrivati davanti!"
    le debacle di una persona diventano motivo di vanto per altri.
    dario e christian.

    RispondiElimina
  8. Grande!! Più forte delle disavventure autunnali, te lo meriti! ;-)

    RispondiElimina
  9. Benvenuto nel CLAN <180'
    Complimenti mitico!

    RispondiElimina
  10. ora devi cambiare sogno! sei un grande.

    RispondiElimina
  11. ...ma visti i risultati dell'intera spedizione, io un controllo antidoping lo suggerirei...

    RispondiElimina
  12. mi unisco al CORO!

    ci vediamo alla Stragiaxà!

    RispondiElimina
  13. Dice bene walter, ora devi cambiare sogno. Grande Drugo, bravissimo!!!

    RispondiElimina
  14. Giù il cappello!!!Ma io te lo avevo detto già qualche mese fa che avresti avuto bei risultati!!!

    RispondiElimina
  15. complimenti davvero per l'impresa,bravo e feroce!

    RispondiElimina
  16. E' sempre una grande impresa quando un muro viene abbattuto.
    Bravo Drugo!! :)

    RispondiElimina
  17. E' confermato che sei uomo da trail, fosse stata piata non ce l'avresti mai fatta ma sui saliscendi sei un drago!!!!

    RispondiElimina
  18. Ma grandissimooooooooooo!!!! Mi era sfuggito il post!! sono proprio contento per te!!!! Fantastico!!!

    RispondiElimina
  19. Mi aggiungo alla lista dei complimenti. Perseverare è umano (il libro di Pietro Trabucchi), e molto appagante!

    RispondiElimina
  20. clap clap, in grandissimo ritardo (ma io lo sapevo....)! ;)

    RispondiElimina
  21. grandioso!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  22. Complimenti! Abbattere un muro da sempre una grossa soddisfazione!

    RispondiElimina
  23. Ciao Dario, complimenti per gli ottimi risultati! ... se prossimamente torni a Scandolara e hai tempo passa a trovarmi così mi dai qualche consiglio sui miei allenamenti. Ciao. Francesco.

    RispondiElimina
  24. Grazie a tutti. Rispondo con un unico commento. Il ritorno da Lisbona è stato travagliato, tante cose accumulate e zero tempo a disposizione per rispondere ed aggiornare il blog.
    Oggi ho pubblicato il resoconto completo.
    Grazie per i complimenti e per l'affetto :)

    RispondiElimina

Scrivete un po' quel che vi pare, per il momento non modero perchè non c'ho voglia.
Solo una cosa, una firma è sempre gradita.

 
© 2012. Design by Main-Blogger - Blogger Template and Blogging Stuff