• Twitter
  • Facebook
  • Google+
  • RSS Feed

venerdì 8 giugno 2012

Bella m....ilza

8 commenti:
 

Ieri sera, in zona Santo (Thiene - VI), si è svolta la prima edizione della San Antonio Night Race. Gara organizzata dal nostro esimio presidente Bress.
La corsa si svolgeva con partenza alle ore 20.00 su un percorso di 2,2 km da ripetersi 4 volte. Il clima della manifestazione era molto giocoso e divertente, peccato che il clima atmosferico non fosse altrettanto piacevole. Alle otto di ieri sera c'era infatti una temperatura di poco inferiore ai 30 gradi ed un'umidità spaventosa. Pertanto si correva in condizioni non esattamente ottimali.
Per quel che riguarda me, non avevo particolari ambizioni per questa gara. L'intento era quello di fare un allenamento tirato. Tanto più che al mattino avevo già percorso 8 km di corsa lenta.
Alla partenza ho cercato quindi di correre ad un ritmo elevato ma di mantenere un certo controllo nell'azione di corsa. L'operazione è parsa funzionare con il primo km a 3'43 (complice anche la leggera discesa) ed il secondo km a 3'54 (qui in leggera salita) e, soprattutto, con una sensazione di fatica controllata.
Dopo il secondo giro, corso leggermente più lento del primo, mi trovavo in buona posizione e con un buon margine sul livello di sofferenza. In altre parole non stavo dando tutto.
E' stato a questo punto, nella parte iniziale del terzo giro, che purtroppo ho avvertito un problema alla milza. Una fitta molto intensa si è fatta strada costringendomi dapprima a rallentare e, successivamente, addirittura a fermarmi piegato in due per farla passare il prima possibile. Dopo qualche secondo di sosta sono ripartito ad un ritmo più blando, cercando un'azione agile e poco faticosa. Per un km sono riuscito a tenere ma poi il dolore s'è nuovamente fatto intenso e mi sono dovuto fermare per una seconda breve sosta. Ripartito anche questa volta mi sono dovuto fermare nuovamente perchè il dolore ancora non mi abbandonava. Questa volta la sosta è stata più lunga con un tratto al passo. Quando mi è parso di aver recuperato del tutto sono ripartito, sempre attento a non forzare troppo.
Ho notato che, nonostante il ritmo più lento, i corridori che mi avevano superato durante la mia crisi non mi avevano distanziato di molto. Ho cercato quindi di gestirmi per arrivare ad incrementare il ritmo nel finale e a sopravanzarli nuovamente. Gestendo lo sforzo sono riuscito nell'intento. Nel km finale ho accelerato riportandomi sotto e nel rettilineo conclusivo ho piazzato un bello sprint che mi ha portato a recuperare più di qualche posizione (il Garmin segna che nel rettilineo finale ho toccato una punta di 2'29/km, possibile ?).
Alla fine, ho chiuso gli 8.8 km con il tempo di 34' e 58 (media 3'58/km). Considerando il caldo infernale, l'umidità, l'allenamento mattutino e, soprattutto, le tre soste, direi che c'è di che essere soddisfatti.
Senza il problema alla milza, probabilmente avrei finito intorno ai 33' netti (3'45 di media). Si sa però che con il condizionale non si va da nessuna parte. Quindi cippa.
Domani tocca un'altra gara veloce. La SlegheLauf in quel di Asiago. Anche in questo caso saranno 4 giri, ma questa volta di 2,5 km ciascuno e con pendenze, sia in salita che in discesa, decisamente più nette rispetto a quelle di ieri sera.
Anche in quel caso non avrò velleità di tempo, al momento la mia priorità è data al Trail, per me è importante sfruttare ogni gara per caricare km e mettere alla prova le mie gambe.

8 commenti:

  1. Bress for president!!!....che della fulminea è gia!

    RispondiElimina
  2. pure le pause ti permetti, simuli il male alla milza, ... così li umigli i tuoi avversari :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe, sarei diabolico fosse fatto apposta....quasi quasi la prossima volta... : P

      Elimina
  3. DRUGO..DOMANI ARRANCHIAMO ASSIEME..CASO MAI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo di volare Bress. L'arrancamento non è poi così piacevole!

      Elimina
  4. A parte il problema mi sembra che sei in ottima forma! Anche i dati cardio mi sembrano molto buoni (con lo sprint finale credo che tu ti sia avvicinato molto al tuo massimo! 191bpm), e i primi 4 km sotto i 180bpm sono una conferma alle sensazioni di "fatica controllata". Io direi.. molto controllata! A parità di ritmo rispetto ad un paio di mesi fa il cuore ti gira su regimi molto più tranquilli. Ti stai tirando a nuovo il motore con tutta questa salita :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un tecnico della "telemetria" cardiaca ed hai proprio ragione. Alla SlegheLauf di ieri sera infatti sono andato molto forte.
      Ti contatterò prima di una gara così potrai leggermi le mie condizioni di forma : )

      Elimina

Scrivete un po' quel che vi pare, per il momento non modero perchè non c'ho voglia.
Solo una cosa, una firma è sempre gradita.

 
© 2012. Design by Main-Blogger - Blogger Template and Blogging Stuff