• Twitter
  • Facebook
  • Google+
  • RSS Feed

domenica 26 agosto 2012

7 su 7 e Trofeo Stalder

14 commenti:
 

Ultima settimana di ferie dopodiché si torna al lavoro. Cosa fare in questi giorni ? Ma che domanda, ci si allena!
Ecco dunque che sforno una prestazione che mai m'era riuscita da quando ho iniziato a correre: 7 allenamenti in 7 giorni. Allenamenti nei quali ho inserito anche dei lavori di qualità come ripetute brevi (400 metri) e ripetute lunghe (2km) e una garetta domenicale: il Trofeo Stalder in quel di Asiago.
Particolarmente divertente è stata la gara corsa quest'oggi. Si trattava di una podistica/trail di 10 km e spicci son un dislivello positivo di 650 metri. Da notare che il dislivello era concentrato tutto sulla prima salita di appena 3 km con dei tratti di una verticalità spaventosa.
Alla partenza lo sparuto gruppo di runners, una sessantina circa, probabilmente non sapeva a cosa andava incontro. Di sicuro non lo sapevo io che, nonostante un briefing un filo allarmista di un amico, sognavo un piazzamento nei 15.
La partenza è stata cauta ma, visto anche l'esiguo numero di partenti, mi sono comunque mantenuto a ridosso dei primi. Ecco però che la salita regolava ben presto i conti con la condizione delle mie gambe, stressate per il carico di questi giorni. Dopo 1300 metri corsi, il bruciore ai muscoli ed il fiatone mi costringevano a rallentare e a mettermi al passo. Inevitabile subire svariati sorpassi, comincio a farci l'abitudine nei tratti dove la pendenza sale. Trascorsi i primi 3 km, dove ci siamo arrampicati su lastre di roccia quasi verticali, finalmente la pendenza concedeva una tregua. Sbucavamo quindi al di fuori del bosco dove un bel tratto di "mangia e bevi" ci aspettava. Particolarmente suggestivo e gradito il pezzo all'interno delle trincee. Scesi un paio di gradini, infatti, si scendeva all'interno delle trincee scavate durante la grande guerra. E' stato bellissimo correre lungo lo strettissimo corridoio costituito dalla trincea. Il percorso, piuttosto tortuoso, prevedeva delle curve molto strette ed era necessario fare particolare attenzione nelle curve per non urtare contro le pareti di roccia.
Usciti dalla prima trincea ecco che un secondo passaggio ci aspettava, superato anche quello cominciavano gli ultimi 5 km, tutti in discesa fino al traguardo.
Ecco dunque che ho potuto dare fondo alle energie residue spingendo quanto mi era possibile. Nonostante 5 km più prossimi ai 3'30 che ai 4' al km sono riuscito a riacchiappare solo 6 dei numerosi runners che mi avevano superato in salita arrivando al traguardo esausto e in 18^ posizione.
Pensavo di poter far meglio ma la mia incapacità di correre decentemente in salita e, forse, anche la condizione di carico nelle gambe non mi hanno permesso di fare di più. Ma va bene così, ho dato tutto e ho concluso  una settimana nella quale ho corso tutti i giorni portando a casa un totale di 96 km. E' pur sempre un record.
E domani ? 8 su 8 non sembrerebbe suonare così male....stiamo un po' a vedere a che ora mi sveglio.

14 commenti:

  1. Dal km 1 al km 3 hai avuto una Vam di 1016m/h. Hai scalato 460m in circa 27' . Non è male dai! Anzi.. Però visto che la salita è il tuo ambiente naturale bisogna migliorare. In settimana qualche giorno ci "ammazziamo" di ripetute medie in salita (500 e 1000 metri su pendenze al 9% 10%). Io sto traendo tanti benefici anche dallo squat. Ci si aggiorna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai provato lo squat...magari un tentativo. Per le ripetute medie forse adesso è il caso di passare ad altro. Le future gare prevedono sempre meno salita e sempre più piano. Anche se, a pensarci bene, la salita fa bene anche per la corsa in piano...valuto un poco.

      Elimina
  2. Io domani recupero, anche mentalmente, he he!!! Grande hai mancato l'obiettivo dei 15 solo per 3 posizioni, non male direi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si Peo, sono contento infatti. Va bene così.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Eh, le ferie aiutano in questo senso

      Elimina
  4. Non è da tutti.
    ci son andato vicino.
    A vent'anni in Croazia mi son ubriacato per sei sere filate. alla settima son rimasto in appartamento per un mal di gola.
    Non so se conta.

    in quanto li hai corsi i 400?

    @Andrea Bravo! Pensavo di esser l'unico a calcolar la vam. Benvenuto anche tu nel clan di 'tiriam numeri a caso'. Io ci passo le giornate così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che la tua impresa è stupefacente se confrontata alla mia, sei quasi da guinnes dei primati.

      Ho corso le ripetute sui 400 mediamente in 1'22/1'23

      Elimina
  5. Dopo tutto 18° non é assolutamente male no?Poi pensa se non c'era il fattore carico settimanale?Drugo mi sa che il bello per te sta per arrivare!
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si, va benissimo il risultato e va benissimo l'aver corso tutti i giorni consecutivi. Sono molto soddisfatto.

      Elimina
  6. drugo,na volta tanto dii pure che sei scarso in salita..tranquillo,non si offende nessuno.eheheh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...mi pareva di averlo scritto...

      Elimina
  7. 7su7 non credo di averlo fatto neanche ai tiri liberi, quando giocavo a basket. Per la corsa però è un bell'obiettivo.

    RispondiElimina

Scrivete un po' quel che vi pare, per il momento non modero perchè non c'ho voglia.
Solo una cosa, una firma è sempre gradita.

 
© 2012. Design by Main-Blogger - Blogger Template and Blogging Stuff